Fondazione Sardi Arte

patrimonio culturale

Art Bonus supera i 200 milioni di euro

  • Pubblicato il: 15/11/2017 - 10:05
OPINIONI E CONVERSAZIONI

Il Ministro della Cultura, Dario Franceschini, annuncia che l’Art Bonus, strumento a favore del credito d’imposta per le erogazioni liberali a sostegno della cultura, ha superato il tetto dei 200 milioni. L’Art Bonus, nel momento in cui ne scriviamo, ha sostenuto 1323 interventi a favore del patrimonio artistico nazionale, grazie ai versamenti messi a disposizione da 6345 mecenati. Un provvedimento che ha portato all’attenzione pubblica il tema del patrimonio culturale materiale, della sua necessità di una tutela e valorizzazione, dell’impossibilità di gestione da parte del pubblico. E non sono mancate le critiche in merito all’ipotizzata incapacità dello strumento di attrarre tante imprese, italiane ed estere, quante se ne prefiggeva. Dal MiBACT, tuttavia, raccontano di risultati superiori alle aspettative. Ne abbiamo parlato con Carolina Botti - Direttore Ales SpA e responsabile per conto del MiBACT del programma di gestione e promozione dell’Art Bonus.

Articolo a cura di: 
Giangavino Pazzola

Quale diritto per il patrimonio culturale?

  • Pubblicato il: 15/11/2017 - 10:00
CONSIGLI DI LETTURA

In questo periodo è’ in corso di presentazione un nuovo volume dedicato al diritto dei beni culturali e a una valutazione della loro capacità di gestione, di Antonio Leo Tarasco. Se ne è parlato alla Fondazione Bruno Leoni e sentiamo accesi molti punti di domanda sulle chiavi di lettura proposte. A nostro avviso occorre un appello all’ibridazione  “Urge una conciliazione tra la museologia e il diritto, tra le esigenze scientifiche e quelle normative, perché l’avvento del museo sulla scena turistico-economica potrà dare frutti positivi se la politica legislativa avrà compreso la sua reale natura e funzione“, come indicava  Enzo Varricchio.

Articolo a cura di: 
Maria Elena Colombo

Patrimonio Culturale in Classe A – politiche di efficientamento energetico verso l’Anno Europeo del Patrimonio

  • Pubblicato il: 15/10/2017 - 20:02
OPINIONI E CONVERSAZIONI

Patrimonio Culturale in Classe A è un programma di efficientamento energetico che l'ENEA promuove nell’ambito della campagna “Italia in CLASSE A”, con l’obiettivo di ridurre i consumi e migliorare la performance energetica nel settore dei beni culturali, ponendo contestualmente la PA al centro di un programma di innovazione che si integra ed è funzionale anche alla messa in atto delle politiche di Industria 4.0. Nell’ambito della Campagna e della riflessione innescata sull’opportunità per il Paese di avviare cantieri pilota che possano assurgere al ruolo di progetti bandiera per la ricerca, l’industria e il rafforzamento delle competenze, ENEA e Promo PA Fondazione lanciano un progetto pilota per la diffusione della sostenibilità energetica, il monitoraggio e la valorizzazione dei siti UNESCO italiani.

Articolo a cura di: 
Emanuela Gasca
Autore/i: 

Verso l’anno europeo del Patrimonio Culturale. Prima rigeneriamo la nostra creatività, poi il resto

  • Pubblicato il: 15/10/2017 - 11:02
PAESAGGI

Un pensiero radicale sugli strumenti culturali di cui disponiamo per orientare il futuro delle nostre città. Un contributo per la prossima tappa di ArtLab17 realizzata da Fondazione Fitzcarraldo a Mantova dal  28/29 settembre, focalizzato sulla vision e contesto strategico che la straordinaria opportunità dell’Anno europeo del Patrimonio culturale ci può offrire
 

Articolo a cura di: 
Paolo Castelnovi
Autore/i: 

Educazione al patrimonio culturale: progettazione interdisciplinare e inclusività

  • Pubblicato il: 15/05/2017 - 15:13
CULTURA DIGITALE

Lo scorso 2 maggio è stato pubblicato l’Avviso pubblico per il potenziamento dell’educazione al patrimonio culturale, artistico, paesaggistico. Nell’ambito dei Fondi Strutturali Europei – Programma Operativo Nazionale “Per la scuola, competenze e ambienti per l’apprendimento” 2014-2020, l’avviso ha l’obiettivo di promuovere progettualità traversali, innovative e radicate sul territorio che coinvolgono il patrimonio culturale. Non solo. L’aspetto digitale che dovrà essere trasversale alle iniziative proposte è sinonimo di una sensibilità legata alle comunità ed ai giovani che vi appartengono anche rispetto al carattere di accoglienza ed inclusività.
 

Articolo a cura di: 
Emanuela Gasca
Autore/i: 

BES: 130 INDICATORI RACCONTANO L’ITALIA

  • Pubblicato il: 16/01/2017 - 00:05
STUDI E RICERCHE

L’ISTAT presenta il Rapporto Bes 2016: il benessere equo e sostenibile in Italia. Più che una fotografia si tratta di un viaggio nella qualità della vita di chi vive nel nostro Paese, tra aspettative e preoccupazioni a fronte di dati oggettivi e misurabili. Un rapporto che getta le basi per approfondire (e valutare) i diversi settori indagati (domini) con il metodo degli indicatori, denso di approcci non scontati che potrebbero e dovrebbero contaminare le scelte pubbliche. E forse anche un certo dibattito che s’interroga sugli impatti di alcuni interventi, nella fattispecie delle progettualità culturali

Articolo a cura di: 
Francesco Mannino

L'AZIONE CULTURALE E LA NECESSITÀ DI UNA VISIONE DI LUNGO PERIODO

  • Pubblicato il: 14/12/2016 - 22:27
OPINIONI E CONVERSAZIONI

Francesco Bandarin è Vice Direttore Generale alla Cultura presso l'UNESCO. Specialista in architettura e pianificazione urbana, per dieci anni ha ricoperto l’incarico di Direttore del Centro del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO, favorendo lo sviluppo di un vasta rete di collaborazioni tra pubblico e privato. In virtù della sua lunga esperienza nel settore culturale, ci siamo confrontati con lui per sondare lo stato di salute del nostro patrimonio e riflettere sull'azione culturale a livello internazionale. Non nascondendo la sua preoccupazione per il futuro, Francesco Bandarin pone l'accento sulla necessità di dotarsi di un approccio integrato di lungo periodo perché – come lui stesso afferma - “nel complesso c'è un serissimo problema di prospettiva. Se non pianifichiamo le azioni e gli interventi da compiere nei prossimi venti o trent'anni, ci ritroveremo con delle città che somiglieranno sempre di più a dei luna park, che saranno sempre più sotto pressione, e avremo sempre meno margini di azione”
 

Articolo a cura di: 
Vittoria Azzarita

QUANTO CONTA IL PATRIMONIO CULTURALE PER L'EUROPA?

  • Pubblicato il: 14/12/2016 - 22:18
STUDI E RICERCHE

A metà novembre, in occasione della cerimonia di conferimento dei Premi per il Patrimonio Culturale dell'Unione Europea/Europa Nostra Awards 2016, è stata presentata la traduzione italiana della sintesi  del Report «Cultural Heritage Counts for Europe». Lo studio rappresenta il principale risultato dell'omonimo progetto europeo realizzato da Europa Nostra, in collaborazione con cinque partner internazionali, al fine di fornire prove convincenti del valore del patrimonio culturale e del suo impatto positivo su economia, cultura, società e ambiente in Europa. Riconosciuto nel 2014 dal Consiglio dei Ministri dell'UE «come risorsa strategica per un'Europa sostenibile», il patrimonio culturale necessita sia di un approccio olistico alla valutazione di impatto che di una programmazione politica integrata
 

Articolo a cura di: 
Vittoria Azzarita

Digitale e pubblico: un’opportunità dall’Europa

  • Pubblicato il: 14/11/2016 - 21:36
CULTURA DIGITALE

Si è aperta lo scorso 20 settembre la call del programma “Connecting Europe Facility” (CEF) che supporta lo sviluppo di network fortemente caratterizzati e sostenibili nel campo dei trasporti, dell’energia e dei servizi digitali. In questo ambito la call “Europeana” ha l’obiettivo di incentivare i soggetti culturali a sviluppare servizi digitali per valorizzare il nostro patrimonio anche in termini di pubblico. Riprendiamo il dibattito sulla piattaforma internazionale Europeana iniziata qui qualche mese fa ampliando lo sguardo ad un’opportunità progettuale ed economica alla quale sono invitate a partecipare organizzazioni internazionali, imprese comuni, imprese pubbliche o private. In questo ambito le fondazioni potrebbero essere importanti stakeholder per valorizzare il processo. Budget disponibile di 2 milioni di Euro

Articolo a cura di: 
Emanuela Gasca
Autore/i: 

A Perugia cambio ai vertici senza sorprese

  • Pubblicato il: 14/06/2016 - 17:01
FONDAZIONI D'ORIGINE BANCARIA

Cambio senza sorprese ai vertici della Fondazione perugina. Si chiude l'era Colaiacovo, eletto all'unanimità Giampiero Bianconi. Una fondazione impegnata nella valorizzazione del patrimonio culturale del territorio e, dal 2014, con un proprio ente strumentale: la Fondazione CariPerugia Arte
 

Articolo a cura di: 
Maria Elena Santagati

Quali risorse per il no profit? dal 2x1000 un segnale, ma ancora c’è molto da fare

  • Pubblicato il: 14/05/2016 - 17:53
OPINIONI E CONVERSAZIONI

Con il 2x1000 previsto nella legge di stabilità 2016 per la prima volta le associazioni culturali potranno beneficiare della scelta dei privati cittadini su come utilizzare parte delle imposte sul reddito. Insieme al Decreto MiBACT sul recupero di beni non fruibili e sulla recente iniziativa che destina 150 milioni di euro a luoghi da recuperare o in cui organizzare 'progetti culturali', tira un vento di apertura nei confronti del ruolo delle no profit, nell'anno della riforma del Terzo Settore. Con ancora importanti criticità che vanno risolte e superate grazie ad una visione nuova di cosa il comparto possa significare per la coesione sociale del Paese

Articolo a cura di: 
Francesco Mannino

«Esercizi di cultura», un programma di allenamento targato FAI

  • Pubblicato il: 15/04/2016 - 17:27
FONDAZIONI PER LA CULTURA

Il 16 e il 17 aprile si è tenuto a Firenze il XX Convegno Nazionale del FAI, dal titolo «Esercizi di cultura». Oltre 600 partecipanti da tutta Italia si sono ritrovati per discutere e approfondire l'importanza dell'educazione alla cultura e il ruolo svolto dalla Fondazione in questo ambito. Ruolo riconosciuto anche da Europa Nostra che, nel 2016, ha assegnato un premio alla fondatrice Giulia Maria Crespi e un premio al progetto «Apprendisti Ciceroni». Una fondazione in piena fase di rinnovamento e sviluppo

Articolo a cura di: 
Maria Elena Santagati

Connettersi alla contemporaneità

  • Pubblicato il: 15/04/2016 - 15:04
CULTURA DIGITALE

Il Rapporto #SOCIALMUSEUMS. Social media e cultura fra post e tweet dell’Associazione Civita ha presentato il 30 marzo all'Auditorium dell'Ara Pacis di Roma, sollecita riflessioni sulla «rivoluzione digitale» che ha investito i musei. Quali le buone pratiche per aiutare questo settore a crescere, in virtù di un nuovo rapporto con il proprio pubblico ?

Articolo a cura di: 
Francesca Sereno
Autore/i: 

Nel borgo medievale de The Godfather inaugurati gli spazi di Casa della Divina Bellezza

  • Pubblicato il: 15/04/2016 - 13:35
NOTIZIE

Nuova possibilità culturali per il pubblico con l’apertura di un nuovo spazio a Forza d'Agrò – in provincia di Messina. Un luogo speciale dal punto di vista dell’immaginario e della compresenza di civiltà e saperi, terra in cui Francis Ford Coppola ambientò uno dei suoi capolavori cinematografici più riusciti, ma soprattutto territorio dove prodigi di natura e cultura convivono da tempi. Con un focus tematico unico nel panorama culturale isolano, la Fondazione Casa della Divina Bellezza agirà nella triangolazione tra arte contemporanea, uomo e teologia cristiana

Articolo a cura di: 
Giangavino Pazzola

Responsabilità pro bono

  • Pubblicato il: 14/02/2016 - 13:30
NORMA(T)TIVA

Guardando a musei gestiti strategicamente e con competenze gestionali, il c.d. «Decreto Musei» prevede chiare responsabilità ed organi di governo. Ai componenti il Cda, assimilabili a quelli di una impresa, spettano oneri, onori, ma nessun compenso in nome di un impegno civile. Il prof. Francesco Florian, dell'Università Cattolica di Milano, ci invita a riflettere su questa scelta

Articolo a cura di: 
Francesco Florian

La Venaria Reale compie otto anni: un traguardo che consolida i suoi primati e la proietta verso un futuro di internazionalizzazione

  • Pubblicato il: 14/10/2015 - 22:34
OPINIONI E CONVERSAZIONI

Aperta al pubblico con un rinnovato splendore dopo dieci anni di restauro, La Reggia di Venaria, con i suoi 700 mila visitatori, è oggi è fra i cinque siti culturali più visitati d’Italia. Un esempio di come anche in tempi di crisi, nell’ambito dei beni culturali, si possano realizzare modelli virtuosi che mettano d’accordo economia e bellezza. Un sito oggi pronto ad aprirsi al territorio e all’Europa diventando il perno fondamentale del nascente Circuito delle Residenze sabaude e di una serie di partnership internazionali. Ne parliamo con il dott. Mario Turetta, dirigente generale del Mibact alternatosi negli ultimi dieci anni tra la direzione Regionale per i beni culturali e paesaggistici del Piemonte e della Lombardia. Da gennaio 2015 è succeduto ad Alberto Vanelli alla Direzione del Consorzio di valorizzazione culturale “La Venaria Reale” a cui, oltre al Ministero, partecipano Regione Piemonte e Comune di Venaria, Compagnia di San Paolo e Fondazione 1563 per l’arte e la cultura .

Articolo a cura di: 
Andrea Archinà
Autore/i: 

Aspettando ArtLab 15: Beni Pubblici patrimoniali: Valore economico o valore d’uso?

  • Pubblicato il: 15/07/2015 - 20:52
WAITING FOR ARTLAB

Patrimonio pubblico disponibile e patrimonio culturale e paesaggistico necessitano di processi straordinari di innovazione negli approcci alle valorizzazioni possibili, di integrazione e modificazione degli apparati legislativi e normativi di riferimento, di liberazione di risorse. Un articolo di Franco Milella su "Patrimonio Pubblico, valorizzazione e innovazione" uno dei temi centrali di ArtLab 15 l'evento di Fondazione Fitzcarraldo che anche quest'anno torna a Lecce dal 23 al 26 settembre con un focus su cultura, territori, innovazione
 

Articolo a cura di: 
Franco Milella
Autore/i: 

Riuso e trasformazioni degli spazi a vocazione culturale e creativa: un driver per lo sviluppo, ma a quali condizioni?

  • Pubblicato il: 15/07/2015 - 20:44
STUDI E RICERCHE

SPECIALE IO SONO CULTURA. Le esperienze di trasformazione e rigenerazione sono un'importante leva di valorizzazione di beni del patrimonio pubblico e rappresentano un fenomeno ampio in cui la vitalità delle idee molto spesso si scontra con difficoltà normative, tecniche e finanziarie. Un contributo a cura della Fondazione Fitzcarraldo tratto dal rapporto 2015 "Io sono Cultura" di Symbola - Fondazione per le Qualità Italiane

Articolo a cura di: 
Ugo Bacchella, Alessandro Bollo, Franco Milella

Patrimonio Culturale: Memorie e identità in cantiere

  • Pubblicato il: 15/06/2015 - 23:58
OPINIONI E CONVERSAZIONI
Hubert Robert, vista immaginaria della Grande Galleria del Louvre, 1796

Di fronte alle contraddizioni - anche culturali - indotte dai processi di globalizzazione, la frase di Augé mostra una prospettiva interessante. Proprio attraverso le superficiali e ingannevoli somiglianze tra rovine e cantieri, emerge il diverso portato delle due accezioni nei confronti del futuro. Secondo questa prospettiva, di seguito si proverà a verificare la pertinenza della metafora del cantiere applicata ai tre termini attorno ai quali s’incardina la relazione: patrimonio, memorie, identità
 

Articolo a cura di: 
Luca Dal Pozzolo
Autore/i: 

La Magna Charta del Volontariato per i Beni Culturali

  • Pubblicato il: 15/06/2015 - 22:17
OPINIONI E CONVERSAZIONI

Dalla Toscana all'Italia intera la valorizzazione del patrimonio culturale passa attraverso una guida ad uso del volontario informato. Ne parliamo con Elena Pianea, dal 2011 Dirigente Settore Musei ed Ecomusei Regione Toscana

 

 

Articolo a cura di: 
Andrea Archinà
Autore/i: 

Pagine