museomarini_750x100.jpg

NOTIZIE IN BREVE DAL MONDO DELLE FONDAZIONI

  • Pubblicato il: 19/10/2017 - 20:30
NOTIZIE

>>> Al Museo della Scienza e della Tecnica di Milano per riscoprire Ferrania >>> Presentato il progetto EPICO per la conservazione delle residenze europee >>> Pubblicato il Consulto informale Eco_Luoghi 2017/2018 >>> Fondazione Musei Senesi cerca Museum Angels per la promozione del patrimonio culturale >>> Inaugurato a Shanghai il nuovo centro d’arte contemporanea Prada Rong Zhai >>> Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo inaugura il nuovo Spazio Innov@zione con l'artista olandese Piet Mondrian >>> Con Venice Time Machine il patrimonio è digitale

Articolo a cura di: 
Francesca Sereno
Autore/i: 

Mai come ora

  • Pubblicato il: 19/10/2017 - 16:11
IN QUESTO NUMERO

Trend. Siamo nella grande trasformazione, possiamo essere la grande trasformazione.  Il numero corale che vi offriamo è denso di nuove piste progettuali e realizzazioni attivate da fondazioni che segnano la via per affrontare le sfide sociali, con nuovi schemi, capitalizzando il passato: in campo nella moderna filantropia enti di origine bancaria, corporate (con un focus dedicato in questo numero che legge la grande vitalità di Bologna firmata Golinelli e Seragnoli), di comunità, di famiglia, nate da individui. 
 

Articolo a cura di: 
CS
Autore/i: 

Anno europeo del patrimonio culturale e musei

  • Pubblicato il: 15/10/2017 - 20:02
OPINIONI E CONVERSAZIONI

Pubblichiamo l’intervento tenuto a Artlab17 Mantova da Antonio Lampis, neo Direttore Generale dei musei del Mibact, che il 13 ottobre era a LuBec per moderare l’incontro con i Direttori dei Musei Nazionali Autonomi

Articolo a cura di: 
Antonio Lampis
Autore/i: 

Una nuova qualità progettuale sociale a traino culturale

  • Pubblicato il: 15/10/2017 - 20:02
OPINIONI E CONVERSAZIONI

Quali politiche e strategie possono essere concretamente messe in campo a sostegno della Cultura e del Patrimonio? Quali le criticità e le risorse strumentali per trasformare la valorizzazione del patrimonio culturale anche in riscatto territoriale? Tra revisione dei protocolli, nuovi paradigmi, modelli di gestione e condivisione di esperienze, ecco trasparire da ArtLab17 Mantova i segni di una nuova Qualità Progettuale come leva di sviluppo e welfare di comunità a traino culturale.

Articolo a cura di: 
Massimiliano Zane

Patrimonio Culturale in Classe A – politiche di efficientamento energetico verso l’Anno Europeo del Patrimonio

  • Pubblicato il: 15/10/2017 - 20:02
OPINIONI E CONVERSAZIONI

Patrimonio Culturale in Classe A è un programma di efficientamento energetico che l'ENEA promuove nell’ambito della campagna “Italia in CLASSE A”, con l’obiettivo di ridurre i consumi e migliorare la performance energetica nel settore dei beni culturali, ponendo contestualmente la PA al centro di un programma di innovazione che si integra ed è funzionale anche alla messa in atto delle politiche di Industria 4.0. Nell’ambito della Campagna e della riflessione innescata sull’opportunità per il Paese di avviare cantieri pilota che possano assurgere al ruolo di progetti bandiera per la ricerca, l’industria e il rafforzamento delle competenze, ENEA e Promo PA Fondazione lanciano un progetto pilota per la diffusione della sostenibilità energetica, il monitoraggio e la valorizzazione dei siti UNESCO italiani.

Articolo a cura di: 
Emanuela Gasca
Autore/i: 

Un ricco autunno per il Museo Marino Marini di Firenze: porte aperte per conversazioni fra la museologia e l’arte contemporanea in dialogo con la città.

  • Pubblicato il: 15/10/2017 - 20:02
OPINIONI E CONVERSAZIONI

Il Museo Marino Marini  ha inaugurato un nuovo corso: dialogo con la città, oltre i circuiti del turismo internazionale, divulgazione e incontri aperti anche ai non esperti per avvicinare all’arte contemporanea, apertura della sede museale come luogo di comunità, dove dedicarsi del tempo. Una formula “slow museum” che scommette sulla fidelizzazione e la qualità. Ne abbiamo parlato proprio con Patrizia Asproni, Presidente del Museo, che a Firenze ha ri-portato la sua consolidata esperienza nella gestione culturale.

Articolo a cura di: 
Neve Mazzoleni
Autore/i: 

Knowledge Design: sperimentare nuove forme, generi e spazi di conoscenza nel laboratorio delle digital humanities, una lezione di Jeffrey T. Schnapp  

  • Pubblicato il: 15/10/2017 - 20:02
MUSEO QUO VADIS?

La lecture del Prof. Jeffrey T. Schnapp: “Knowledge Design. Incubating new knowledge forms/genres/spaces in the laboratory of the digital humanities” si è tenuta in occasione della conferenza: “(Digital) Humanities Revisited – Challenges and Opportunities in the Digital Age” organizzata all’Herrenhausen Palace (Hannover, Dicembre 2013) come parte di un ciclo di eventi e conferenze, le “Herrenhausen lectures”,  promosse dalla Volkswagen Foundation[1] con l’obiettivo di offrire un valido contributo al dibattito accademico sul futuro delle digital humanities.  Di recente, il Prof. Schnapp è stato ospite della rassegna Whats next: “La sorte dei saperi nel ventunesimo secolo” primo appuntamento dell’osservatorio organizzato dal Museo Marino Marini (Firenze), nel quale protagonisti internazionali dell’innovazione culturale sono stati invitati a raccontare le loro visioni sul futuro dei musei, della conoscenza e del rapporto tra digitale e mondo della cultura.
Rubrica di ricerca in collaborazione con il Museo Marino Marini

Articolo a cura di: 
Elena Lombardo
Autore/i: 

FESTIVAL CULTURALI E IMPATTO SOCIALE

  • Pubblicato il: 15/10/2017 - 20:02
STUDI E RICERCHE

Tre Festival culturali, tre luoghi d’Italia, una Fondazione Bancaria, un gruppo di ricercatori, un amministratore pubblico: questi i soggetti che hanno animato l’incontro “L'impatto sociale dei festival", tenutosi il 28 settembre 2017 presso la Biblioteca Teresiana in occasione di Artlab 17 Mantova, con la presentazione della ricerca con il metodo SROI  applicato al caso della manifestazione musicale Collisioni", commissionata da Fondazione CRT.
 
"La cultura non è un lusso, è una necessità."
Gao Xingjian, autore ospite all’edizione 2017 di Collisioni

Articolo a cura di: 
Lucia Zanetta, Osservatorio Culturale del Piemonte

Le Corporate Collection: un possibile luogo di integrazione tra il mondo dell’arte e il mondo dell’impresa?

  • Pubblicato il: 15/10/2017 - 20:01
FONDAZIONI D'IMPRESA

Avere una collezione corporate apre numerose opportunità sia alla comunità manageriale che a quella artistica. Avere una collezione corporate e non gestirla crea invece un ‘vuoto’: non è solo un’occasione persa, ma è un’opportunità che potrebbe cogliere qualcun altro o i cui esiti diventano difficilmente controllabili per l’azienda.  Cosa significa gestire la collezione in modo strutturato? Quante aziende lo fanno? Ne parla Chiara Paolino, ricercatrice dell’Università Cattolica, autrice dello studio su 160 aziende- che continua a crescere-  che AXA Art sta portando in un road show di confronti nella penisola. Il 16 ottobre presso Civita a Roma, il 25 alla Pinacoteca Agnelli di Torino.  Solo il 30% coglie le opportunità che derivano dalla collezione, tra queste le Fondazioni Casoli e Lungarotti, Sulle nostre colonne, con l’autrice, si apre un percorso di condivisione su questi temi

Articolo a cura di: 
Chiara Paolino
Autore/i: 

Con le Furla Series Fondazione Furla cambia format e varca i confini nazionali

  • Pubblicato il: 15/10/2017 - 20:01
FONDAZIONI D'IMPRESA

Dopo 10 anni di Premio Furla, la fondazione dà avvio alle Furla Series, il progetto per sostenere l’arte contemporanea italiana e internazionale attraverso la creazione di sinergie istituzionali. Con Time after Time, Space after Space entra in dialogo con il Museo del Novecento di Milano che per la prima volta di apre alla performance.Dopo aver mappato un'intera generazione di artisti italiani (…) non si è riusciti a fare sistema partendo dal lavoro della nostra fondazione” ci racconta la presidente Giovanna Forlanetto - Abbiamo quindi pensato di provare a fare cultura direttamente sulle persone”.

Articolo a cura di: 
Francesca Panzarin

Arte & scienza per entrare nel cantiere di Caravaggio

  • Pubblicato il: 15/10/2017 - 20:01
FONDAZIONI D'IMPRESA

Aperta a Milano la grande mostra su Caravaggio che si avvale del supporto scientifico di Fondazione Bracco per la diagnostica artistica. Collegato un inedito progetto di contrasto alla povertà educativa in collaborazione con la Fondazione Diocesana Oratori Milanesi

Articolo a cura di: 
Francesca Panzarin

Il tessuto come arte

  • Pubblicato il: 15/10/2017 - 20:01
FONDAZIONI D'IMPRESA

Da domenica 1 ottobre al 7 gennaio 2018,  le sale di Palazzo Te a Mantova  presentano la mostra Il tessuto come arte: Antonio Ratti, imprenditore e mecenate, un omaggio all’industriale comasco che ha fondato un impero tessile famoso a livello internazionale, una realtà in cui impresa e arte sono sempre state strettamente intrecciate e proseguono con l’omonima fondazione. La vita imprendioriale di Ratti è definita da Stefano Baia Curioni, Presidente di Palazzo Te “un’esperienza capace di rilanciare un modo contemporaneo  dell’umanesimo  di fare impresa e di dettare le linee per un successo di rara intensità”.

Articolo a cura di: 
Benedetta Bodo
Autore/i: 

La III Edizione di Foto/Industria accende i riflettori su una nuova Bologna

  • Pubblicato il: 15/10/2017 - 20:01
FONDAZIONI D'IMPRESA

Inaugura la  terza edizione della  prima Biennale al mondo dedicata alla Fotografia dell’Industria e del Lavoro, promossa e prodotta dalla Fondazione MAST, ente del gruppo Coesia,  concepito come tramite tra l’impresa e la comunità. Fino al 19 Novembre 2017 sarà possibile visitare quattordici mostre di grandi fotografi in 13 sedi storiche del centro cittadino e una nella PhotoGallery del MAST. Un grande investimento privato, uno dei numerosi e rilevanti nella visione strategica e nell’entità degli investimenti che segnano una rinascita culturale della Città.

Articolo a cura di: 
Paola Bracke
Autore/i: 

Fondazione Golinelli: essere pronti per il futuro senza sapere come sarà

  • Pubblicato il: 15/10/2017 - 20:01
FONDAZIONI D'IMPRESA

“Avere un sogno e vivere per esso: dare un significato al perché della nostra vita», con questo incipit Marino Golinelli vara a  Bologna il nuovo CENTRO ARTI E SCIENZE GOLINELLI, progettato da Mario Cucinella Architects, la Fondazione Golinelli presenta i nuovi progetti per il 2018 e la mostra «IMPREVEDIBILE, essere pronti per il futuro senza sapere come sarà». La Fondazione avvierà ulteriori lavori di ampliamento ed entro un anno l’Opificio raggiungerà i 14.000 metri quadrati complessivi.  Una Città per la conoscenza e la cultura, una struttura aggregata e integrata per l’educazione, la formazione, la cultura, la ricerca e l’impresa, prima e unica esperienza del genere, nella sua interezza e complessità in Europa.  Ne parliamo con il Direttore Generale, Antonio Danieli.

Articolo a cura di: 
Roberta Bolelli
Autore/i: 

Pagine