Italia Non Profit - Ti guida nel Terzo Settore

PARLANO LE CARTE D’ARCHIVIO

  • Pubblicato il: 15/12/2018 - 08:02
FONDAZIONI PER LA CULTURA
A Torino, nell'ambito di un ampio programma cittadino di eventi per l'80° anniversario delle leggi razziali, la Fondazione 1563, ente strumentale della Compagnia di San Paolo presieduto da Piero Gastaldo, ha aperto al pubblico la propria sede nell’antico Educatorio Duchessa Isabella di piazza Bernini con la mostra "Le case e le cose. Le leggi razziali del 1938 e la proprietà privata" , ideata dallo stesso ente con la curatela di Fabio Levi, Anna Cantaluppi e Erika Salassa.
Articolo a cura di: 
Elisabetta Ballaira

Allineare le due lenti del cannocchiale. Le fondazioni d’impresa europee a confronto a Palermo

  • Pubblicato il: 15/12/2018 - 08:02
FONDAZIONI D'IMPRESA
Nel capoluogo siciliano, a pochi giorni dalla chiusura di Manifesta 12, si è svolta la terza edizione del European Corporate Foundations Knowledge Exchange, importante occasione per riflettere su come innervare la dimensione sociale nel business, creando un ecosistema con una visione europea che parte da esigenze locali.
Articolo a cura di: 
Francesca Panzarin

Fondazione Dalmine: conoscere l’industria attraverso la storia e l’attualità.

  • Pubblicato il: 15/12/2018 - 08:02
FONDAZIONI D'IMPRESA
In occasione dell’edizione del recente European Corporate Foundations Knowledge Exchange di Palermo abbiamo incontrato Carolina Lussana, direttrice di Fondazione Dalmine (Bergamo), che ha collaborato a far nascere e ne gestisce lo sviluppo dal 1999. La fondazione è oggi un luogo di storia e di ricerca che si colloca a metà tra l’interno e l’esterno dell’azienda.
Articolo a cura di: 
Francesca Panzarin

Fondazione Bassetti. La stoffa degli innovatori.

  • Pubblicato il: 15/12/2018 - 08:02
FONDAZIONI DI FAMIGLIA
Una piccola fondazione penetra nel sistema sanguigno della nostra società, attraverso l’innovazione tecnologica, i suoi prodotti, i suoi consumi, e giunge dove la si progetta. Fondazione Giannino Bassetti persegue il sogno avvincente, improbabile ma realizzabile, di un cambiamento responsabile, dove pubblico-comunità e impresa, istituzioni e policy maker collaborino attivamente a stabilire regole, approcci, prodotti e servizi, azioni, confini, direzioni e priorità del mondo che viviamo. Per farlo si deve sbloccare il sapere e dare spazio alle potenzialità collaborative che questa rete di soggetti trattiene fra le sue maglie – per rimetterli in circolo.
Articolo a cura di: 
Amerigo Nutolo
Autore/i: 

Brevi Notizie dalle Fondazioni Americane

  • Pubblicato il: 15/12/2018 - 08:02
DAL MONDO
Scopo di questa rubrica è portare lo sguardo del lettore oltre oceano per trovare spunti innovativi e nuove risorse per il nostro paese. Nel mese di dicembre l’attenzione è focalizzata sulla Ralph C. Wilson Jr. Foundation, la “capacità” dell’arte e della cultura di curare i traumi infantili, sulla filantropia responsabile e il futuro delle fondazioni che sostengono il settore artistico.
Articolo a cura di: 
Ilaria M. Nizzo
Autore/i: 

L'ABBANDONO, TRA DISAGIO E RINASCITA

  • Pubblicato il: 15/12/2018 - 08:01
PAESAGGI
Forse sarà perché può essere al contempo transitivo e riflessivo, attivo e passivo, perché a seconda dei casi può provocare disagio, dolore o estasi, l'abbandono ha sempre un certo fascino.
E l'abbandono – con il recupero di spazi non utilizzati e dismessi nelle aree montane – è tra gli asset principali del Programma AttivAree di Fondazione Cariplo che finanzia e accompagna (a seguito di un bando conclusosi il 30 giugno 2016) due progetti di "rinascita" nelle aree interne dell' Oltrepò Pavese e delle valli bresciane Trompia e Sabbia.
I progetti vincitori sono OLTREPÒ (BIO) DIVERSO e VALLI RESILIENTI e, nella loro complessità e trasversalità, abbracciano una molteplicità di territori e azioni intersettoriali e si muovono su un'idea di sviluppo data dalla creazione di connessioni -  non in chiave di subalternità o di perdita della propria identità – e dalla ricucitura tra periferie territoriali e centri di maggiori dimensioni.
Articolo a cura di: 
Stefania Crobe
Autore/i: 

Il lago che scompare. Cave dell’invisibile

  • Pubblicato il: 15/12/2018 - 08:01
PAESAGGI
La manutenzione decennale che comporta lo svuotamento del Lago di Molvena è una ferita per la popolazione. Un progetto artistico, partecipato, multidimensionale, commissionato con il concorso interistituzionale s-vela e ri-vela un nuovo senso collettivo. Trasformando l’evento in una opportunità.  E’ il potere dell’Arte, Bellezza!
Articolo a cura di: 
Luca Dal Pozzolo
Autore/i: 

L’Arte in gioco

  • Pubblicato il: 15/12/2018 - 08:01
CULTURA E WELFARE

L’arte è un gioco
Il gioco dello spirito
Il maggior gioco dell’uomo
Jean Dubuffet, 1945

 
A margine dei convegni si fanno incontri spesso sorprendenti. A Lucca, dopo una conferenza su Cultura e Welfare al Lubec, il Presidente della Fondazione Palazzo Magnani di Reggio Emilia, Davide Zanichelli mi avvicina “Ci vogliono delle alleanze tra discipline. Lavorare nella frammentazione, con un pensiero riduzionista rispetto alla complessità, arroccati nella presunta autonomia dei saperi, ha determinato la disgregazione dell’idea dell’uomo come unità di senso. Il benessere non è disgiunto dalla formazione, dall’educazione. Secondo me la grande sfida delle istituzioni culturali, in particolare noi che ci occupiamo di arte, è proprio quella di riuscire a riunificare i saperi. Come istituzioni culturali dobbiamo essere piattaforma di innovazione sociale, in rete con altri soggetti che si occupano di welfare. Per un unico progetto di territorio”. Confortante. Ci confrontiamo con lui nel corso della splendida mostra su Jean Dubuffet, “L’arte in gioco”, la prima grande retrospettiva completa sull’autore, dopo trent’anni.
Rubrica in collaborazione con la Fondazione Marino Marini di Firenze
Articolo a cura di: 
Catterina Seia
Autore/i: 

Un volto ad Arte per i luoghi di cura

  • Pubblicato il: 15/12/2018 - 08:01
CULTURA E WELFARE
Due ospedali si trasformano in gallerie d'arte: per un anno, dal dicembre 2018 due cliniche Humanitas Gavazzeni e Castelli di Bergamo si trasformano con il progetto "La cura e la bellezza": reparti, corridoi, uffici, mense, spazi di attesa rinascono in collaborazione con l’Accademia Carrara. Un’operazione di umanizzazione dei luoghi di cura che porta il museo oltre le sue mura, avvicinando anche il pubblico potenziale, che non lo frequenta e cambia la percezione del tempo di pazienti e operatori.
Rubrica di ricerca in collaborazione con Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo
Articolo a cura di: 
Redazione
Autore/i: 

La bellezza nella mente

  • Pubblicato il: 15/12/2018 - 08:00
CULTURA E WELFARE
Una conversazione con Viviana Kasam, ideatrice di BrainCircle Italia, un progetto di divulgazione del sapere specialistico degli studi sul cervello votato all’accessibilità della materia sulle nuove frontiere delle neuroscienze alla portata di tutti. I contenuti del Brain Forum 2019 e un progetto di recupero di memoria musicale tutto al femminile in collaborazione con Fondazione Accademia di Santa Cecilia e la Fondazione Istituto di Letteratura Musicale Concentrazionaria.
Rubrica di ricerca in collaborazione con Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo
Articolo a cura di: 
Chiara Tinonin
Autore/i: 

La vita dà il ritmo

  • Pubblicato il: 15/12/2018 - 08:00
CULTURA E WELFARE
L’ospedale S. Anna di Torino, il più grande per la ginecologia e ostetricia in Europa, è abbracciato dalla musica. Dagli inizi del mese di novembre, ha preso avvio la seconda edizione delle “Vitamine Jazz” che arricchisce il  programma  di musica dal vivo “Vitamine Musicali” varato nel 2016 nell’ospedale dalla Fondazione Medicina a Misura di Donna in collaborazione con l’AVO-Associazione dei Volontari Ospedalieri e 13 istituzioni culturali del territorio. Una vera propria chiamata alle Arti alle quali la comunità dei jazzisti torinesi ha risposto massicciamente,  con slancio generoso nel donare musica e  vivere un’esperienza di relazione con l’altro: a fianco delle donne durante la chemioterapia, dando il benvenuto alle nuove vite e alle loro famiglie, cambiando tono al tempo dell’attesa. Da novembre 2018 a marzo 2019, si alterneranno formazioni, in linguaggi che spazieranno dalle sonorità jazzistiche  ad atmosfere mediterranee e sudamericane.
Rubrica di ricerca in collaborazione con Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo
Articolo a cura di: 
Federico Miniotti

Pagine