Unesco

museomarini_750x100.jpg

Memory Of The World UNESCO: il patrimonio documentario come fonte di conoscenza

  • Pubblicato il: 15/10/2017 - 20:01
DOVE OSA L'INNOVAZIONE

Proseguiamo il percorso di ascolto dei principali relatori in programma a LuBeC 2017 | Cultura 4.0, manifestazione promossa dalla Fondazione Promo PA, che si svolgerà il 12 e il 13 ottobre presso il  Real Collegio di Lucca. Tra i numerosi temi che saranno affrontati nel corso dell'iniziativa, la tutela e la valorizzazione del patrimonio materiale e immateriale dell'UNESCO occupano una posizione centrale. Con l'obiettivo di conoscere meglio il programma Memory of the World dell'UNESCO abbiamo posto alcune domande a Enrico Vicenti, Segretario Generale della Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO, che interverrà a LuBeC 2017 giovedì 12 ottobre nel corso dell'incontro Memory Of The World” UNESCO: opportunità per la valorizzazione in rete. Il confronto sarà un’occasione per individuare strumenti ed opportunità finalizzati a una strategia di promozione condivisa tra le varie realtà italiane che hanno ottenuto il prestigioso riconoscimento.

Articolo a cura di: 
Vittoria Azzarita

Patrimonio Culturale in Classe A – politiche di efficientamento energetico verso l’Anno Europeo del Patrimonio

  • Pubblicato il: 15/10/2017 - 20:02
OPINIONI E CONVERSAZIONI

Patrimonio Culturale in Classe A è un programma di efficientamento energetico che l'ENEA promuove nell’ambito della campagna “Italia in CLASSE A”, con l’obiettivo di ridurre i consumi e migliorare la performance energetica nel settore dei beni culturali, ponendo contestualmente la PA al centro di un programma di innovazione che si integra ed è funzionale anche alla messa in atto delle politiche di Industria 4.0. Nell’ambito della Campagna e della riflessione innescata sull’opportunità per il Paese di avviare cantieri pilota che possano assurgere al ruolo di progetti bandiera per la ricerca, l’industria e il rafforzamento delle competenze, ENEA e Promo PA Fondazione lanciano un progetto pilota per la diffusione della sostenibilità energetica, il monitoraggio e la valorizzazione dei siti UNESCO italiani.

Articolo a cura di: 
Emanuela Gasca
Autore/i: 

ARTE E CAMOUFLAGE

  • Pubblicato il: 14/04/2017 - 11:35
SAPER FARE, SAPER ESSERE

Un’opera ambientale di Hilario Isola a La Morra (CN). Nel cuore delle Langhe,  l’artista presenterà l’installazione Il quarto paesaggio, frutto di una ricerca tecnica realizzata con le imprese,  destinato alla copertura di un muro di cemento armato che si estende al di sotto del Belvedere a ridosso dei bastioni medioevali e lungo una superficie di duecento metri quadrati.  Un progetto sostenuto dal progetto Nuovi Committenti della Fondation de France nel quadro del progetto “Dopo l'UNESCO, Agisco!” dell’Assessorato alla Cultura e al Turismo della Regione Piemonte. Il “fare”, nel caso dell’artista torinese equivale a un  tentativo di vedere oltre e altro:  progettare cioè ogni volta dispositivi e situazioni che muovono strani paesaggi, per lo più inafferrabili quando non  del  tutto invisibili

Articolo a cura di: 
Lisa Parola
Autore/i: 

UN MARCHIO PER LA VALORIZZAZIONE DEI TERRITORI ITALIANI DI ECCELLENZA

  • Pubblicato il: 16/01/2017 - 00:10
STUDI E RICERCHE

Nei suoi oltre 40 anni di vita, nonostante il suo grande successo, la Convenzione UNESCO sulla protezione dei siti del patrimonio culturale e naturale dell’umanità ha mostrato qualche incertezza nell’affrontare il tema dello sviluppo sostenibile e i problemi legati alla qualità della gestione. Partendo da questa considerazione, nel 2011, su impulso del Professor Walter Santagata, la Direzione generale per la valorizzazione del patrimonio culturale del Mibact ha affidato al Centro Studi CSS-Ebla il compito di ricostruire gli impatti su sviluppo socioeconomico e governance locale, degli strumenti di politica economica e istituzionale, come i marchi collettivi, fondati sulla valorizzazione della reputazione attribuibile all’inserimento nella Unesco World Heritage List. I risultati di questa ricerca sono ora disponibili nel libro “Un marchio per la valorizzazione dei territori di eccellenza: dai siti UNESCO ai luoghi italiani della cultura, dell’arte e del paesaggio”, a cura di Luca Moreschini, Giovanni B. Ramello, Walter Santagata, recentemente pubblicato dall’editore Rubbettino nella collana dei quaderni del Mibact

Articolo a cura di: 
Luca Moreschini
Autore/i: 

L'AZIONE CULTURALE E LA NECESSITÀ DI UNA VISIONE DI LUNGO PERIODO

  • Pubblicato il: 14/12/2016 - 22:27
OPINIONI E CONVERSAZIONI

Francesco Bandarin è Vice Direttore Generale alla Cultura presso l'UNESCO. Specialista in architettura e pianificazione urbana, per dieci anni ha ricoperto l’incarico di Direttore del Centro del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO, favorendo lo sviluppo di un vasta rete di collaborazioni tra pubblico e privato. In virtù della sua lunga esperienza nel settore culturale, ci siamo confrontati con lui per sondare lo stato di salute del nostro patrimonio e riflettere sull'azione culturale a livello internazionale. Non nascondendo la sua preoccupazione per il futuro, Francesco Bandarin pone l'accento sulla necessità di dotarsi di un approccio integrato di lungo periodo perché – come lui stesso afferma - “nel complesso c'è un serissimo problema di prospettiva. Se non pianifichiamo le azioni e gli interventi da compiere nei prossimi venti o trent'anni, ci ritroveremo con delle città che somiglieranno sempre di più a dei luna park, che saranno sempre più sotto pressione, e avremo sempre meno margini di azione”
 

Articolo a cura di: 
Vittoria Azzarita

Fertilizzare i contesti comunitari per rigenerare i Patrimoni territoriali

  • Pubblicato il: 15/11/2016 - 07:37
PAESAGGI

FOCUS Unesco da RAVELLO LAB. Quali politiche e strategie possono essere concretamente messe in campo a sostegno della Cultura del Patrimonio? Quali le criticità e le risorse strumentali per trasformare la valorizzazione del patrimonio culturale anche in riscatto territoriale? Tra revisione dei protocolli, nuovi modelli di gestione e condivisione di esperienze e risorse, ecco trasparire i segni di una nuova Qualità Progettuale come leva di sviluppo del territorio e delle sue comunità

Articolo a cura di: 
Pietro Petraroia
Autore/i: 

Comunicare attraverso le culture e attraverso il tempo

  • Pubblicato il: 14/02/2016 - 13:32
OPINIONI E CONVERSAZIONI

In uno scenario di crisi, sapremo garantire pace e tolleranza, o prevarranno le nefaste tendenze al nazionalismo e alla chiusura? E’ la sfida più importante del nostro tempo. Per vincerla occorrono nuove dinamiche culturali. Sulla responsabilità dei musei in tempo di cambiamenti globali, le riflessioni di Alberto Garlandini, Executive Council di ICOM e Presidente del Comitato Organizzatore di ICOM Milano 2016 

 

Articolo a cura di: 
Alberto Garlandini

L'importanza della diversità per la definizione delle politiche culturali dei prossimi anni

  • Pubblicato il: 14/02/2016 - 11:50
STUDI E RICERCHE

A dieci anni dalla sua approvazione, l’UNESCO ha pubblicato il primo report globale sulla «Convenzione sulla Protezione e Promozione della Diversità delle Espressioni Culturali». Ratificata da 141 Paesi in tutto il mondo, la Convenzione rappresenta il principale strumento di indirizzo per la definizione delle politiche culturali, a livello internazionale. Analizzando il lavoro svolto in questi anni, lo studio prova a capire quanto la Convenzione sia stata capace di ispirare cambiamenti positivi nelle politiche e nelle misure culturali implementate dai vari Stati, e quanto invece debba ancora essere fatto

Articolo a cura di: 
Vittoria Azzarita

I GIOVANI IN PRIMA LINEA PER IL PATRIMONIO FUTURO ITALIANO

  • Pubblicato il: 14/02/2016 - 10:11
NOTIZIE

Nel panorama culturale italiano c’è un vento nuovo: si è presentato a Roma il Comitato Giovani della Commissione Nazionale Italiana dell’UNESCO, che si prefigge di supportare le attività dell’UNESCO nel campo dell’educazione, della scienza , della cultura e della comunicazione, promuovendone progetti, valori e priorità nelle comunità locali, attraverso la  partecipazione attiva di giovani e della società civile in iniziative ed eventi di rilevanza nazionale. Due i protocolli di intesa firmati ad oggi, con il mondo delle istituzioni e dell’imprenditoria. Un modello da imitare in tutta Europa

Articolo a cura di: 
Sendy Ghirardi
Autore/i: 

Pagine