Italia Non Profit - Ti guida nel Terzo Settore

Il racconto social delle comunità urbane tra local e glocal: le pagine "Humans"

  • Pubblicato il: 07/12/2018 - 09:19
CULTURA DIGITALE
Lo storytelling dello spirito delle città via social nell'analisi di Claudio Calveri. Una panoramica sulle possibilità e le potenzialità del racconto digitale collettivo come strumento di Digital Social Innovation. In collaborazione con DeRevLab.
Articolo a cura di: 
Claudio Calveri, digital strategist DeRev
Autore/i: 

Nuovi modelli di impresa creativa tra digitale, social e patrimonio intangibile dall’Africa

  • Pubblicato il: 15/11/2018 - 08:06
CULTURA DIGITALE
Spunti per un’incubazione “liquida” delle startup culturali e una diversa costruzione di valore del patrimonio intangibile tra digitale, social media e approccio indipendente: Claudio Calveri, digital strategist DeRev, racconta i risultati di una ricerca originale sui trend della creazione d’impresa in Africa e della sua compatibilità con le linee di sviluppo occidentali.
In collaborazione con il progetto DeRev Lab
Articolo a cura di: 
Claudio Calveri, digital strategist DeRev
Autore/i: 

Dagli influencer agli influser, le opportunità per gli operatori culturali

  • Pubblicato il: 15/10/2018 - 00:02
CULTURA DIGITALE

L’evoluzione delle piattaforme digitali offre agli operatori culturali molteplici possibilità di azione coerenti con i più recenti principi di valorizzazione del patrimonio culturale europeo. Claudio Calveri, esperto di strategie digitali e progettista culturale, offre una panoramica dei nuovi strumenti e delle prospettive concrete di audience engagement per le organizzazioni culturali.
In collaborazione con il progetto DeRev Lab[2]

Articolo a cura di: 
Claudio Calveri, digital strategist DeRev [1]
Autore/i: 

Il patrimonio culturale, risorsa di innovazione nell'era digitale

  • Pubblicato il: 15/06/2018 - 13:01
CULTURA DIGITALE

Ad ArtLab Milano lo scorso maggio si è svolto un interessante dibattito sul rapporto tra patrimonio e digitalizzazione. All’interno dei diversi panel si è riflettuto su come questo binomio possa essere volano di percorsi di innovazione che si sviluppano in specifiche progettualità, ma anche in processualità di confronto e scambio avviate sui territori.
Ne riportiamo qui gli elementi salienti arricchiti dalle riflessioni di Emanuela De Menna della DG Research and Innovation European Commission con cui abbiamo avuto l’opportunità di conversare.

Articolo a cura di: 
Emanuela Gasca
Autore/i: 

Esperienze. Gamification e Turismo Creativo, così si rinnovano i borghi e i musei

  • Pubblicato il: 15/06/2018 - 13:01
CULTURA DIGITALE

La riflessione di Fabio Viola, Gamification Designer e Presidente di TuoMuseo, sul tema della Gamification e del Turismo Creativo

Articolo a cura di: 
Fabio Viola, da Attivaree Fondazione Cariplo
Autore/i: 

Lumen vince il Playable Museum Award

  • Pubblicato il: 15/06/2018 - 13:01
CULTURA DIGITALE

Il giovane interaction designer e ingegnere indiano Arvind Sanjeev (Kerala, India,1991), con il progetto LUMEN | MIXED REALITY STORYTELLING, è il vincitore della prima edizione del Playable Museum Award, lanciato dal Museo Marino Marini di Firenze – con il coordinamento a cura dell’engagement scientist e game designer Fabio Viola – per immaginare il museo del futuro.

Articolo a cura di: 
Fabio Viola, da TuoMuseo, 18 giugno 2018
Autore/i: 

Capitale Europea del Turismo Smart: un’occasione per le città

  • Pubblicato il: 15/04/2018 - 09:01
CULTURA DIGITALE

Le scorse settimane è stato lanciato dalla Commissione Europea un concorso per identificare la Capitale Europea del Turismo Intelligente. Sostenibile, accessibile, digitale e creativa sono le quattro caratteristiche che dovrebbe avere questa città che verrà proclamata il prossimo autunno. L’iniziativa sottolinea così l’importanza dell’innovazione che, nuova linfa per lo sviluppo turistico dei territori, si traduce attraverso le ICT che facilitano la fruizione del territorio, ma anche come sistema di reti informali tra la popolazione e i territori.
La città vincitrice sarà affiancata da un pull di esperti per l’identificazione e il rafforzamento del suo brand e rientrerà in un programma dedicato di marketing e comunicazione. Scadenza per applicare: 30 giugno p.v.

Articolo a cura di: 
Emanuela Gasca
Autore/i: 

Il futuro è una terra alta

  • Pubblicato il: 15/04/2018 - 09:00
CULTURA DIGITALE

Dare umanità all’intelligenza artificiale. Gli artisti Salvatore Iaconesi e Oriana Persico, fondatori della prima scuola diffusa “arte e dati”, Her-Human Ecosystem, a Roma, nel quartiere di S. Lorenzo, mostrano una possibile via italiana che si sta configurando. Grazie al lavoro dell’Agenzia Italia per il Digitale, accanto alle istituzioni cognitive pioniere nelle Digital Humanities-come la Normale Superiore di Pisa e l’Università Cà Foscari di Venezia-, in prima fila i musei della scienza –Muse e Must-, le prime istituzioni culturali come il Polo del ‘900 e Fondazione Golinelli, crescono aziende e organizzazioni, in cui i tecnici informatici scrivono algoritmi con gli artisti, i cittadini e i bambini. Un vantaggio competitivo per un futuro di possibilità. La risposta a Cambridge Analitica? Se ne è discusso al Palazzo delle Esposizioni dedicato all’acronimo  IA-intelligenza  artificiale, vera e propria sfida esistenziale nel rapporto tra essere umano e tecnologia. Pubblica amministrazione e arte a confronto. La posta in gioco è alta.

Articolo a cura di: 
Catterina Seia
Autore/i: 

Gaudenzio e Silverland. Due app per l’arte dopo la svolta digitale

  • Pubblicato il: 15/04/2018 - 09:00
CULTURA DIGITALE

A novembre il convegno Museums at the post digital turn | I musei alla svolta post-digitale alle OGR di Torino ha inaugurato una stagione di riflessione sulla relazione tra nuove tecnologie e arte visiva. La chiusura stagionale è andata in scena a Venezia, con l’European Immersive Computing Summit, convegno europeo dedicato all’Immersive computing. Un dibattito che, tuttavia, è solo iniziato. E mentre Louvre di Parigi, il Met di New York, il Rijksmuseum di Amsterdam stringono una partnership con Smartify – volgarmente conosciuta come la Shazam dell’arte – diverse realtà italiane si mettono assieme per offrire allo spettatore un’altra esperienza dell’arte e della cultura. Facciamo un focus sul caso Design for Arts del Politecnico di Torino e Ulixe – azienda italiana con un piede in Silicon Valley.

Articolo a cura di: 
Giangavino Pazzola su Arte e Imprese del Giornale dell'Arte, ed online 17 aprile 2018

Intesa tra CEI e Mibact: le Biblioteche Ecclesiastiche del Servizio Bibliotecario Nazionale sempre più in rete

  • Pubblicato il: 16/03/2018 - 08:00
CULTURA DIGITALE
L'Ufficio Nazionale per i Beni Culturali Ecclesiastici e l'Istituto Centrale per il Catalogo Unico delle Biblioteche Italiane e per le Informazioni Bibliografiche hanno sottoscritto una convenzione che sancisce, una volta in più, la consolidata e pluriennale storia di collaborazione e di positivo confronto che ha già avuto modo di individuare l'individuazione e la condivisione di obiettivi comuni, avviando un processo strategico che promuove profondi mutamenti nella gestione dei beni culturali ecclesiastici, sempre più in rete.
Articolo a cura di: 
Federico Massimo Ceschin

La sfida del digitale. Le iniziative di DiCultHer nell’Anno Europeo del Patrimonio

  • Pubblicato il: 16/03/2018 - 08:00
CULTURA DIGITALE

Il Giornale delle Fondazioni da febbraio del 2015 è partner del progetto DiCultHer - The Digital Cultural Heritage, Arts and Humanities School - che si occupa di sviluppare network tra realtà pubbliche, private e scolastiche al fine di rafforzare le competenze digitali per la valorizzazione del nostro patrimonio. Conversiamo con Carmine Marinucci, Segretario Generale della Rete, che ci ha illustrato i principali terreni di azione sui quali DiCultHer nell’ambito dell’Anno Europeo del Patrimonio.

Articolo a cura di: 
Emanuela Gasca
Autore/i: 

Accessibilità e turismo: se il visitatore è prima di tutto un viaggiatore

  • Pubblicato il: 15/02/2018 - 08:05
CULTURA DIGITALE

Il nuovo Piano Piano straordinario della mobilità turistica 2017-2022 rappresenta un tassello importante per le politiche dei nostri territori. In linea con gli orientamenti del Piano Strategico del Turismo, infatti, il PSMT promuove la valorizzazione delle infrastrutture di trasporto come elemento di potenziamento dell’offerta turistica e allo stesso tempo lo sviluppo dell’aspetto digitale per una migliore fruizione della vacanza a partire dal momento di pianificazione del viaggio. Questa visione sottende elementi di valore sia per la domanda rappresentata dal turista – viaggiatore, sia per l’offerta che può riflettere su politiche di promozione anche nelle fasi precedenti a quella della visita ai siti.

Articolo a cura di: 
Emanuela Gasca
Autore/i: 

Ecosistemi digitali: un’occasione per riflettere sul binomio turismo – digitalizzazione

  • Pubblicato il: 15/12/2017 - 00:01
CULTURA DIGITALE

Le scorse settimane si è svolto a Firenze l’evento Ecosistemi Digitali promosso anche dal Mibact e dal Ministero dello Sviluppo Economico. Attraverso momenti di scambio e confronto tra gli operatori l’iniziativa ha affrontato il binomio turismo e digitalizzazione attraverso la proposta di tre elementi chiave: accoglienza, informazione e autenticità. Cogliamo l’occasione per lasciare alcune piste di riflessione che riteniamo importanti per una lettura del territorio e dei fenomeni di fruizione ad esso collegati.

Articolo a cura di: 
Emanuela Gasca
Autore/i: 

Create Once Publish Everywhere

  • Pubblicato il: 10/08/2017 - 11:24
CULTURA DIGITALE

La XIII edizione di LuBeC che si terrà a Lucca il 12 e 13 ottobre sarà dedicata alla “Cultura 4.0, alla rivoluzione innescata dall’innovazione tecnologica che pervade e trasforma processi, comportamenti, organizzazioni, relazioni”, trasformando l’appuntamento in un "cantiere di confronto e lavoro a valle del G7 della Cultura e in avvicinamento all'anno europeo del Patrimonio. L'appuntamento sarà accompagnato da una edizione ampliata della rassegna espositiva LuBeC Digital Technology. In partnership, restituiremo l'ascolto di alcuni dei protagonisti. "Il digitale non è più un'opzione per i musei", afferma Stefania Vecchio, founder di coMwork, piattaforma di ottimizzazione della gestione digitale di collezioni, archivi e informazioni. "Sono ancora sconosciute le grandi potenzialità digitali, vere alleate del sistema museale. (…) Serve un cambiamento profondo, strategico, che va ben al di là di una singola app lanciata da un museo. Il cloud non è un altro modo di dire server (…). È fondamentale il co-design. Lo stiamo testando con i Musei Reali di Torino e in occasione di LuBeC lanceremo una call rivolta a tutti i musei che vorranno testare l’applicazione e contribuire a migliorare la piattaforma coMwork".
 

Articolo a cura di: 
Redazione
Autore/i: 

Quanto e come comunicano i musei sulla rete?

  • Pubblicato il: 18/07/2017 - 18:19
CULTURA DIGITALE

Lo scorso 13 giugno sono stati presentati i dati dello studio che analizza l’ecosistema digitale dei musei valutando l’opinione degli utenti rispetto ad alcune tematiche chiave. La ricerca è stata commissionata dal MiBACT e realizzata dalla startup Travel Appeal che, attraverso un algoritmo creato ad hoc per la misurazione dell’appeal on line, ha analizzato la soddisfazione dei visitatori rispetto alla loro visita al museo.
Accoglienza, personale, spazi museali e servizi sono alcuni dei cluster analizzati dal sistema che permette anche ai musei stessi di monitorare in tempo reale i commenti che i fruitori esprimono su di loro. Un segnale positivo dunque per quanto riguarda la sensibilità delle strutture culturali rispetto all’autovalutazione in termini di comunicazione e di reputation, e di apertura all’ascolto dei propri visitatori
 

Articolo a cura di: 
Emanuela Gasca
Autore/i: 

Pagine