Fondazione Sardi Arte

Intesa Sanpaolo

Le Corporate Collection: un possibile luogo di integrazione tra il mondo dell’arte e il mondo dell’impresa?

  • Pubblicato il: 15/10/2017 - 20:01
FONDAZIONI D'IMPRESA

Avere una collezione corporate apre numerose opportunità sia alla comunità manageriale che a quella artistica. Avere una collezione corporate e non gestirla crea invece un ‘vuoto’: non è solo un’occasione persa, ma è un’opportunità che potrebbe cogliere qualcun altro o i cui esiti diventano difficilmente controllabili per l’azienda.  Cosa significa gestire la collezione in modo strutturato? Quante aziende lo fanno? Ne parla Chiara Paolino, ricercatrice dell’Università Cattolica, autrice dello studio su 160 aziende- che continua a crescere-  che AXA Art sta portando in un road show di confronti nella penisola. Il 16 ottobre presso Civita a Roma, il 25 alla Pinacoteca Agnelli di Torino.  Solo il 30% coglie le opportunità che derivano dalla collezione, tra queste le Fondazioni Casoli e Lungarotti, Sulle nostre colonne, con l’autrice, si apre un percorso di condivisione su questi temi

Articolo a cura di: 
Chiara Paolino
Autore/i: 

Terremoto

  • Pubblicato il: 29/09/2017 - 10:23
FONDAZIONI D'ORIGINE BANCARIA

A sette anni dal loro intervento a favore dell’Abruzzo e a quattro da quello per l’Emilia Romagna, le Fondazioni di origine bancaria associate ad Acri si mobilitano collettivamente a favore delle comunità colpite dal sisma, tra il 24 agosto 2016 e il 18 gennaio 2017, nelle regioni Lazio, Marche, Umbria e Abruzzo. In particolare, l’attenzione è rivolta alle piccole imprese di quei territori, che potranno complessivamente ricevere fino a 15 milioni di euro di finanziamenti; ciò grazie alla collaborazione con Intesa Sanpaolo. In partnership con ACRI
 

Articolo a cura di: 
"Fondazioni" settembre-ottobre 2017
Autore/i: 

Il restauro del contemporaneo fa la forza: quando la sinergia è sinonimo di conservazione e tutela

  • Pubblicato il: 18/07/2017 - 18:04
FONDAZIONI E ARTE CONTEMPORANEA

La collaborazione tra la Fondazione Centro per la Conservazione e il Restauro dei Beni Culturali la Venaria Reale, l’Università di Torino e il Gruppo Intesa Sanpaolo ha permesso la conclusione di un primo ciclo sperimentale di lavoro sulla conservazione della collezione del Novecento del gruppo bancario, oggetto di studio nel corso di laurea. Dall’esito positivo  emerge un modello di intervento e studio sul restauro contemporaneo
 

Articolo a cura di: 
Benedetta Bodo di Albaretto

Biennale democrazia. La costruzione dello spirito critico e dell’educazione civica delle comunità

  • Pubblicato il: 14/04/2017 - 23:48
FONDAZIONI PER LA CULTURA

Oltre 35 mila partecipanti ai 106 incontri tenuti da 246 relatori, per  Biennale Democrazia 2017 - Uscite di emergenza. "Per la quinta edizione abbiamo investito ulteriormente sul coinvolgimento dei cittadini e sull’allargamento a nuove aree della città”. Per Angela La Rotella – direttore organizzativo della manifestazione –“obiettivo centrato con una partecipazione vivace del pubblico”. Il festival si è chiuso il 2 aprile, ma proseguono le mostre “Esodi e Conflitti” fino al 20 maggio alla Film Commission Torino; “Corpi attraverso i Confini” alla Fondazione Merz fino al 30 aprile; “Abitare in Italia” all’ Urban Center Metropolitano fino al 5 giugno

Articolo a cura di: 
Sara Marceddu e Giangavino Pazzola

Il fenomeno del collezionismo d’impresa in Italia: estetica o vantaggio competitivo?

  • Pubblicato il: 10/10/2016 - 20:06
STUDI E RICERCHE

Una recente ricerca dell’Università Cattolica in collaborazione con Axa Art e Intesa Sanpaolo ha fatto emergere luci e ombre nella gestione delle collezioni corporate. Anche se esistono alcune realtà di successo sia in termini di impatto culturale che di strutturazione organizzativa, nel complesso le collezioni d’arte aziendali non costituiscono ancora un vero e proprio settore per la mancanza di managerialità, professionalità e network. Non si tratta però di un’anomalia italiana, anche in Francia la situazione è molto simile

Articolo a cura di: 
Francesca Panzarin

Vocazione fotografia. Torino

  • Pubblicato il: 15/09/2015 - 10:08
FONDAZIONI E ARTE CONTEMPORANEA
©Andrea Guermani
Nella capitale del contemporaneo nasce la Fondazione Camera-Centro italiano per la fotografia. Un progetto ideato da Lorenza Bravetta, un cervello di ritorno, dopo la brillante carriera in Magnum Photo a Parigi –anzi nel mondo – che l’ha portata alla direzione commerciale per l’Europa. Dopo le prove generali di collaborazione con la presentazione in città, nelle sedi piùprestigiose (da Palazzo Madama a Palazzo Reale, Fondazione Merz e Sandretto, Forte di Bard), delle opere dei grandi maestri del linguaggio che ha segnato il XX secolo, eccola con una istituzione che capitalizza una lunga storia del territorio, della produzione, del collezionismo e della FIF-Fondazione Italiana della Fotografia, oggi commissariata. Affianco alla Bravetta, a sostenere il progetto, ci sarà lo stimato professionista e collezionista Emanuele Chieli, promotore dell’iniziativa per amore della fotografia e passione per le sfide. I fondatori sono Intesa Sanpaolo, Magnum Photos, l’Associazione Promotori della Fondazione CAMERA, mentre Eni è partner istituzionale. La Città di Torino è stata da sempre al fianco di Camera, grazie al Sindaco Piero Fassino che ha creduto nel progetto fin dai primi passi
Articolo a cura di: 
Giangavino Pazzola

Pagine