Fondazione Sardi Arte

CULTURA + IMPRESA

Culture matters

  • Pubblicato il: 22/01/2018 - 11:29
IN QUESTO NUMERO

L’ultimo censimento del Terzo Settore dell’ISTAT mette a fuoco piccole e grandi realtà che palesano una risorsa cresciuta per rispondere ai bisogni emergenti delle comunità, con giovani che “inventano un futuro ecosostenibile, un presente da condividere e strumenti per rigenerare spazi con un nuovo slancio culturale e una ricerca del senso più profondo della vita. Soprattutto al Sud che registra il più alto tasso di natalità delle iniziative, anche se Lombardia e Veneto restano le regioni con la presenza maggiore di istituzioni (…). E’ un fenomeno rilevante che crea occupazione qualificata, genera capacità manageriali, offre opportunità imprenditoriali, produce upgrading tecnologico”
 

Articolo a cura di: 
CS
Autore/i: 

I Festival come “Media”

  • Pubblicato il: 09/08/2017 - 11:56
FONDAZIONI PER LA CULTURA

C’è un ‘media collettivo’ ancora trascurato da Aziende, Media Planner, Agenzie di comunicazione: i Festival – culturali, tematici, enogastronomici – sono  una  efficace modalità per comunicare valorialmente, interagire con un pubblico ‘reale’,  fare leva sulla divulgazione multimediale e  al tempo stesso rafforzare le relazioni con un territorio. Quanto sono legati alle città e ai territori che li ospitano, generando  place branding?  Hanno contributo ad allargare la platea degli spettatori, adottando nuovi  modelli di audience development e audience engagement? Quale ruolo giocano in questo i media tradizionali (la carta stampata) e nuovi? Ma non si è approfondito il tema dei Festival come ‘media per la comunicazione d’impresa’
 

Articolo a cura di: 
Francesco Moneta
Autore/i: 

I Bagni Misteriosi dove integrare corpo, emozione, arte e pensiero

  • Pubblicato il: 18/07/2017 - 18:12
FONDAZIONI PER LA CULTURA

Vincitore del Premio Cultura+Impresa 2017 per la categoria “Art Bonus” è il visionario progetto di rigenerazione urbana realizzata dalla Fondazione Pier Lombardo che dal 2008 ha investito oltre € 20 milioni per la riqualificazione di uno dei più begli esempi milanesi di architettura razionalista. Un inedito progetto di appropriazione e condivisione degli spazi urbani premiato da un grande successo di pubblico
 

Articolo a cura di: 
Francesca Panzarin

Pagine