FONDAZIONE MORRA GRECO

UN ARCHIVIO DI STORIE E MEMORIE NEL CUORE DI NAPOLI

  • Pubblicato il: 14/04/2017 - 23:38
FONDAZIONI D'ORIGINE BANCARIA

Oltre 330 stanze nel cuore del centro storico di Napoli, quattro piani, faldoni su faldoni: è l’Archivio Storico del Banco di Napoli, l’archivio bancario che racchiude le memorie degli antichi banchi pubblici napoletani dal 1539.  Storie e memorie della città raccontate ai visitatori grazie alla Fondazione il Cartastorie con il suo percorso multimediale permanente Kaleidos.  Tante le attività culturali, fra cui la mostra di Antonio Biasiucci, che nel 2016 ha inaugurato il programma Residenze d’Artista – Arte Contemporanea Fondazione Banco di Napoli, curato da Gianluca Riccio, docente universitario, critico e curatore.
In quanto ente strumentale della Fondazione Banco di Napoli, la Fondazione il Cartastorie è entrata a far parte del circuito Museimpresa per perseguire, insieme all’Associazione, obiettivi di interesse sociale e di promozione dello sviluppo economico e culturale, cercando di coinvolgere il territorio nazionale con una apertura al panorama internazionale. Scopriamone le specificità  attraverso il racconto a due voci dei suoi protagonisti

Autore: 
Arianna Rosica

FONDAZIONE MORRA GRECO: UN CASO DI RAPPORTO PUBBLICO-PRIVATO NATO DALLA PASSIONE DI UN COLLEZIONISTA

  • Pubblicato il: 14/04/2017 - 23:29
FONDAZIONI E ARTE CONTEMPORANEA

Proseguiamo l’esplorazione della stagione di ri-nascita che sta caratterizzando Napoli  a partire dai linguaggi della contemporaneità, in collaborazione tra pubblico e privato, con la Fondazione Morra Greco, presieduta dall’omonimo collezionista. Un modello di partecipazione, con la Regione Campania che nomina la metà dei consiglieri. Grazie al contributo ottenuto sul POIn “Attrattori Culturali, Naturali e Turismo” (FESR) 2007-2013, a partire da marzo 2015  è stato avviato il restaruro dello storico Palazzo sede della Fondazione,  per la sua  trasformazione in un adeguato e funzionale complesso museale.  Nucleo centrale la collezione di Maurizio Morra Greco con una forte attenzione ai giovani artisti emergenti. “Napoli è da sempre luogo di conflitti – storici, politici, culturali – dunque terreno fertilissimo per l’arte contemporanea, che di tali conflitti quotidianamente si nutre.” considera il collezionista,  guidato dal “suo gusto personale”

Autore: 
Arianna Rosica

Pagine