Fondazione Sardi Arte

danza

Il teatro per la cura della persona

  • Pubblicato il: 25/08/2017 - 15:18
CULTURA E WELFARE

Nasce a Torino, nell’ambito della Fondazione Teatro Stabile, l’Istituto di Pratiche Teatrali per la Cura della Persona, capitalizzando le esperienze di Gabriele Vacis, Roberto Tarasco, Antonia Spaliviero e il gruppo vasto di collaboratori che li hanno seguiti in questi anni. Dalle varie edizioni di SCHIERA, metodo di allenamento all’attenzione, ai laboratori che sono confluiti nel film La paura siCura, dalle pratiche con i disabili fisici e psichici fino al progetto ideato da Antonia Spaliviero e realizzato con il Ministero della Gioventù, Cerchiamo Bellezza. Regione Piemonte e Compagnia si San Paolo credono nel progetto e lo sostengono. “Oggi c’è molta più gente che fa teatro, che danza, di quanta non vada a vederli teatro e danza”, considera Vacis. “L’inclusione è ormai la poetica di molti tra gli attori, registi, drammaturghi più innovativi. (…) La bellezza genera sempre meno forme e nasce sempre più dall’inclusione, La bellezza nuova nasce dalla comprensione di artisti, educatori, operatori sociali, medici, psicologi… persone”
Rubrica di ricerca in collaborazione con Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo
 

Articolo a cura di: 
CS
Autore/i: 

Nuovi scenari per il «sistema spettacolo italiano»: sogno o realtà?

  • Pubblicato il: 14/10/2015 - 22:33
OPINIONI E CONVERSAZIONI

Il 1° luglio 2014, come è noto, viene approvato il Decreto Ministeriale «Nuovi criteri per l'erogazione e modalità per la liquidazione e l'anticipazione di contributi allo spettacolo dal vivo, a valere sul Fondo unico per lo spettacolo, di cui alla legge 30 aprile 1985, n. 163.».  Alla luce delle assegnazioni del FUS 2015, quali sono i primi effetti del DM sul comparto? E l'applicazione del DM va nella direzione dell'auspicata fase di trasformazione dello stesso? Abbiamo chiesto ad Antonio Taorminacoordinatore tecnico-scientifico dell'Osservatorio dello Spettacolo della Regione Emilia-Romagna e docente di «Progettazione e gestione delle attività di spettacolo» al Dipartimento delle Arti dell'Università di Bologna, un parere in merito

Articolo a cura di: 
Francesca Sereno
Autore/i: 

Pagine