Fondazione Sardi Arte

Notizie in breve dal mondo delle Fondazioni

  • Pubblicato il: 20/03/2017 - 11:03
Autore/i: 
Rubrica: 
POST-IT
Articolo a cura di: 
Francesca Sereno

>>> E’ iniziato LET’S PLAY: IL FESTIVAL DEL VIDEOGIOCO, fino al 19 marzo a Roma, non per divertirsi, ma anche per riflettere sul ruolo dell’industria videoludica italiana nello sviluppo dell’impresa, della cultura e della creatività >>> Progetti di innovazione ed integrazione sociale nelle stazioni dei treni, grazie all’accordo tra Fondazione ItaliaCamp e Rete Ferroviaria Italiana >>> Seconda edizione di ReStartAlp, campus residenziale gratuito per aspiranti giovani imprenditori nei territori alpini promosso da Fondazione Edoardo Garrone >>> Scelti i «Creative Mediator» per Manifesta 12, la Biennale itinerante di arte contemporanea che si terrà a Palermo >>> Fondazione Allianz Umana Mente presenta le linee guida 2017 per l’inclusione sociale: dall'agricoltura all'arte >>> La Regione Marche sceglie Pesaro come città culturale e creativa

 

 

 

Prima edizione di LET’S PLAY: IL FESTIVAL DEL VIDEOGIOCO, dal 15 al 19 marzo 2017 a Roma

In una location suggestiva, il Guido Reni District, uno dei punti innovativi della capitale, è iniziato il 15 marzo LET’S PLAY, il Festival del Videogioco. Un’occasione straordinaria per il pubblico degli appassionati, ma anche per gli operatori del mondo videogame e le istituzioni, che potranno per la prima volta confrontarsi insieme sul futuro economico del settore e su tutti gli intrecci, già sviluppati e ancora da sviluppare, tra mondo videoludico e le realtà del patrimonio culturale e turistico, dell’istruzione, della salute, dello sport.

Non solo divertimento, ma anche una serie di appuntamenti importanti, incontri e dibattiti per riflettere sul percorso di affermazione dell’industria videoludica italiana quale player internazionale nello sviluppo dell’impresa, della cultura e della creatività.

I capannoni industriali delle vecchie officine novecentesche dell’Esercito, oggi trasformate in un luogo di cultura ed eventi, accoglieranno gli appassionati che vorranno conoscere e provare, oltre ai grandi classici, nuovi giochi, ma anche i bambini e i giovani che vorranno cimentarsi nella programmazione e avvicinarsi al mondo degli sviluppatori, i docenti che vorranno aggiornarsi rispetto ai nuovi metodi di apprendimento basati sull’interattività del videogioco, gli YouTubers che parleranno di creatività e dedizione, originalità e voglia di divertire. Parallelamente, gli spazi di via Guido Reni saranno animati da un calendario fitto di incontri tra operatori italiani e internazionali, esperti, giornalisti e istituzioni.

Il Festival è promosso da Q Academy e Let’s Play in collaborazione con AESVI Associazione Editori e Sviluppatori Videogiochi Italiani, con il sostegno del MiBACT e della Regione Lazio e il patrocinio di numerose istituzioni pubbliche locali e nazionali.

Scarica i panel culturali

http://www.letsplay.net/IT

 

 

Fondazione ItaliaCamp e Rete Ferroviaria Italiana avviano progetti di innovazione ed integrazione sociale nelle stazioni dei treni

Federico Florà, presidente di Fondazione ItaliaCamp, e Maurizio Gentile, amministratore delegato e direttore generale di Rete Ferroviaria Italiana, hanno firmato un protocollo d’intesa per sviluppare forme di gestione innovative degli spazi delle stazioni non più funzionali alle attività ferroviarie.
Attualmente sono più di 500 le stazioni, su tutto il territorio nazionale, concesse in comodato d’uso ad associazioni, cooperative, enti locali e organizzazioni non profit, che hanno permesso alle stazione di rimanere vive e salvaguardate da atti di vandalismo.
Il protocollo è finalizzato ad individuare progetti di valorizzazione a fini sociali, culturali, ambientali e turistici, di educazione e formazione giovanile e di inclusione, che potranno essere realizzati anche negli spazi impresenziati. Sono, ad oggi, circa 1.700 le stazioni impresenziate, al centro di un importante impegno di RFI per la loro riorganizzazione e riutilizzo.
L’innovazione sociale di Fondazione Italiacamp è innovazione relazionale, basato su un nuovo modello di sinergia tra istituzioni pubbliche, terzo settore, startup, imprese strutturate e la community di ricercatori e innovatori, affrontando problematiche di rilevo nazionale. Con RFI la fondazione metterà a disposizione la capacità di matching per realizzare percorsi d’integrazione e innovazione sociale, apportando benefici anche alle comunità locali e alla collettività.

http://italiacamp.com

 

ReStartAlp sostiene aspiranti imprenditori del territorio alpino

Fondazione Edoardo Garrone e Fondazione Cariplo promuovono la seconda edizione di ReStartAlp, un campus residenziale gratuito dedicato agli under 35 che abbiano un’idea imprenditoriale o una startup nelle filiere produttive tipiche della montagna: agricoltura, gestione forestale, allevamento e agroalimentare, artigianato, turismo e cultura. Si svolgerà a Premia, nel Verbano Cusio Ossola, dal 26 giugno al 29 settembre.

Ai 15 aspiranti imprenditori selezionati è destinato un programma formativo concreto, ricco e articolato, tra didattica frontale, laboratorio di creazione d’impresa, mentorship, testimonianze di casi di successo, esperienze sul campo e visite a realtà produttive e destinazioni montane di particolare interesse per i modelli imprenditoriali o di valorizzazione territoriale adottati. Nel percorso, i partecipanti saranno affiancati da un team qualificato di docenti, esperti e professionisti dei principali settori dell’economia alpina.

Il 24 marzo a Milano presso lo spazio Open si potrà scoprire molto di più, ascoltando la testimonianza diretta di chi ha vissuto in prima persona questa esperienza formativa unica nel suo genere. Oltre alla presentazione dell’edizione 2017, si svolgerà infatti in questa occasione la premiazione dei tre vincitori dello scorso anno.
Ad arricchire l’evento, condotto da Emil Abirascid, direttore di StartupBusiness, anche una tavola rotonda con tre startup che racconteranno la propria esperienza imprenditoriale per testimoniare che fare impresa in montagna si può, che la tradizione dei mestieri antichi può integrarsi con l’innovazione, che i green jobs possono contribuire allo sviluppo delle terre alte italiane.
ReStartAlp è organizzato da Fondazione Edoardo Garrone e da Fondazione Cariplo e vede la collaborazione di una rete di soggetti in prima linea nell’impegno per la riqualificazione del territorio montano: Fondazione Symbola, Università della Montagna, Fondazione CIMA, UNCEM, FederBim e FederForeste.
Fondazione Edoardo Garrone è una fondazione culturale di tipo operativo, costituita nel 2004 a Genova, da ERG S.p.A. e San Quirico S.p.A., in memoria di Edoardo Garrone.
www.fondazionegarrone.it/
http://www.restartalp.it/

 

Quattro «Creative Mediator» per Manifesta 12 a Palermo

La città di Palermo sarà la sede di Manifesta 12, la biennale europea di arte contemporanea, nata nei primi anni novanta in risposta ai cambiamenti politici, economici e sociali dopo la fine della guerra fredda e le successive passi verso l'integrazione europea.

Il team interdisciplinare è costituito da quattro Creative Mediator: la svizzera Mirjam Varadinis, curatrice del Kunsthaus di Zurigo e co-curatrice di TRACK (Gand, Belgio, 2012), mostra diffusa realizzata nella tradizione di «Chambres d’amis»; l’architetto, artista e studioso spagnolo Andrés Jaque, di base a New York e Madrid, fondatore dell’Office of Political Innovation, che lavora tra ricerca, politica e design; Bregtje van der Haak, regista e giornalista olandese, che ha diretto documentari internazionali e progetti transmediali sul cambiamento sociale a lungo termine, con una particolare attenzione all’urbanizzazione e alla cultura tecnologica; l'architetto italiano Ippolito Pestellini Laparelli dello studio OMA (Office for Metropolitan Architecture), responsabile dei progetti che riguardano la conservazione, la scenografia e la curatela, che coordinerà il team.
I Creative Mediator lavoreranno sulla base dell’esito degli studi condotti da OMA con un metodo di ricerca collettiva, in cui le comunità locali, il pubblico internazionali e i professionisti del settore artistico interagiranno per comprendere le trame sociali, culturali e geografiche della città. Lo scopo di questa sintesi è quello di fornire agli abitanti di Palermo gli strumenti per riappropriarsi della città, e usarla come una sorta di progetto per riflettere, dal loro punto di vista, su migrazione, cambiamenti climatici e patrimonio e condizione dell’identità europea.
Lo studio di OMA per Palermo sarà presentato nella primavera del 2017 e i Creative Mediator, svilupperanno il concept artistico sulla base di una profonda conoscenza del luogo e presenteranno il loro programma per Manifesta 12 a metà estate 2017.
manifesta.org

 

Fondazione Allianz Umana Mente per l’inclusione sociale, dall'agricoltura all'arte.

Agricoltura sociale, passaggio alla vita adulta, arte e sport come strumenti per l’inclusione e la partecipazione sociale sono le quattro linee guida d’intervento per il 2017 individuate dalla Fondazione Allianz Umana Mente, mantenendo fermi come ambiti quello del disagio minorile e giovanile e della disabilità congenita intellettiva e fisica. E' all’interno di queste linee guida d’intervento che verranno selezionati progetti presentati da organizzazioni non profit.
Replicabilità, coinvolgimento di una pluralità di soggetti e sostenibilità economica nel tempo saranno gli altri criteri che guideranno la Fondazione nella selezione dei progetti da supportare.
Il Gruppo Allianz con la sua Fondazione d’impresa UMANA MENTE, nata nel 2001, fino ad oggi ha investito oltre 33 milioni di euro a favore di 203 progetti sociali raggiungendo oltre 42 mila persone con differenti situazioni di bisogno.

www.umana-mente.it/

 

 

Per la Regione Marche «Pesaro città culturale d'eccellenza»

In occasione dell’approvazione del Piano triennale regionale della Cultura 2017 – 2019, il Consigliere Regionale Biancani ha indicato tra le priorità il sostegno alla candidatura di «Pesaro Città della musica, Città creativa dell’Unesco».
Il Piano triennale comprende tuttavia anche molti altri interventi che riguardano Pesaro: il riconoscimento del Centro Arti visive «La Pescheria» affinché sia polo per la identità culturale delle Marche; l’inserimento tra i progetti prioritari di interesse regionale del «Rossini Opera festival»; tra i soggetti di rilievo nazionale l’Ente concerti per le iniziative legate alla musica classica, l’Orchestra sinfonica Rossini e la Fondazione Rossini; la realizzazione del film su Giocacchino Rossini nell’ambito del progetto regionale i Grandi Marchigiani che, dopo il successo del film su Giacomo Leopardi, vedrà all’opera la Fondazione Marche Cultura in collaborazione con importanti impresari nazionali di produzione cinematografica; il riconoscimento del «Nuovo cinema di Pesaro» come festival più importante della regione.
A breve la Regione, per attuare questi indirizzi, approverà il Piano annuale della Cultura con l’individuazione delle risorse destinate ai singoli progetti.